Lettera a un amico. Non voglio essere fraintesa, non esprime una volontà di ritorno, state tutti tranquilli

ciao roma.
non so se spedirti la mail ma se la stai leggendo evidentemente l’ho fatto. sempre se leggerai la mail. chissà perché ho come idea che tu sia un po’ restio a leggerle. comunque è indirizzata a te perché ho paura che se ne parlo ad altri potrebbero male interpretare e non mi va. scusami in anticipo se sembrerà uno sproloquio di una pazza imberiaga, ma ti assicuro che non ho bevuto.
ami roma?
se si, allora posso scrivere tranquilla. mi capisci? no, ma non importa. mi manca tutto di lei, della signora. mi manca ogni muro, ogni portico, ogni fottuto selciato, mi manca la sua nebbia, il caldo soffocante che se vai su a san luca lo vedi, il caldo. mi mancano le strade di notte, il suo sudore, il suo sangue, le sue ossa. mi manca quel bar, mi manca quella piazza, che non ho mai trovate di più belle, roma, la notte. mi odio per non essere mai salita su quella torre, mi odio perché sono una superstiziosa e non potro’ più salirci per un bel po’. mi odio per non averla sentita prima, questa città che mi ruba il fiato, che non mi appartiene, ma a cui appartengo. che conosco per filo e per segno, e che nonostante cio’ non conosco, che mi conosce. che ho odiato, quando devo aspettare il 13 sotto una pioggia che dio la manda e alla fine mi tocca farmela a piedi, che ho odiato quando dovevo entrare in quella biblioteca che un freddo cosi non l’ho mai sentito, quella dove andava pasolini perché ha fatto la mia stessa scuola, che ho odiato quando mi sono persa, come se fosse colpa della signora. di cui ho sentito il profumo, nelle sere d’inverno, che ho maledetto, che ho insultato, che ho pianto.
roma, se ami la tua città.
mi manca la mia.
la signora perbene. la busona.

2 thoughts on “Lettera a un amico. Non voglio essere fraintesa, non esprime una volontà di ritorno, state tutti tranquilli

  1. Silvana scrive:

    Questa è una vera lettera d’amore per una città, la mia.
    Una città che ami solo se la conosci davvero perchè non si dà a tutti; è appartata e misteriosa, affascinante e preziosa come la vita.
    Io lo capisco il sentimento che si prova nella piazza che ruba il fiato, nelle stradine che avvolgono, nelle torri che ti sovrastano e nei suoi portici che cullano e che proteggono dalle intemperie del tempo fisico e metafisico.
    Io ti capisco perchè amo tutto di questa “signora” antica,viva e vera come nessun’altra.
    E lei sa che tu le appartieni e che lei ti appartiene, anche nella lontananza, come sempre accade negli amori corrisposti.
    Perchè nell’amore anche da lontano si è sempre vicini.
    Scricci

  2. Grazie.
    Ma ti pare che mi metto a piangere leggendo quello che ho scritto io?

Parlami! Parlami! Commentami! Commentami!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: