Minirapimento Romantico

Sono appena tornata, distrutta ma sana e salva, da una minifuga romantica con l’OP a Marina Romea e Ravenna.

Innanzitutto, ho capito solo stamattina cosa intendeva dire Silvanascricci con «la Romea è una strada brutta, è piena di camion!».

Ma procediamo con ordine.

Siamo partiti ieri sera con drammatico ritardo sulla tabella di marcia, intorno alle 20. Ho bendato l’OP (la minifuga in verità doveva essere un minirapimento) e sono partita. Sorprendentemente sono riuscita ad arrivare a Marina Romea senza alcun titubamento, senza sbagliare mai strada, con il mio fantastico navigatore [N.d.R. quando si parla di “navigatore” si intende un fogliettino con le indicazioni copiate da Google Maps infilato nel parasole sopra al volante]. Arriviamo tutti in ordine, troviamo il lungomare facilmente –  anche perché la suddetta città sarà circa 5mq, quindi non ci voleva una laurea – e ci sistemiamo. Nella mia testa, eravamo teoricamente arrivati prima del tramonto, faceva meno freddo e ci saremmo messi a fare un picnic sulla spiaggia. Nella realtà, era buio pesto, faceva un freddo boia e il picnic l’abbiamo fatto in macchina. Questo non ha tuttavia tolto romanticismo alla serata, illuminata a giorno da una gigantesca luna piena. Così il romanticismo l’abbiamo tolto noi e siamo andati a fare i cretini sui tappetoni elastici del parco giochi vicino, totalmente accessibile nonostante fossero ormai le due di notte e nonostante lo stabilimento fosse chiuso. In altre parole, noi, il mare, la luna e un tappeto elastico. Un sogno.

Siamo andati a dormire in macchina intorno alle 3, e siamo morti di freddo. Congelati. Poi ci è venuto in mente che eravamo in una macchina, e che quindi potevamo accendere motore e riscaldamento, almeno il tempo di far sciogliere le stalattiti che ci pendevano dal naso. Abbiamo poi dormito fino alle 5, ora in cui avevamo puntato la sveglia apposta per vedere l’alba. Dopo una passeggiata di due ore in cui il sole ha iniziato a riscaldarci le ossa, siamo andati a fare colazione, e infine siamo andati a Ravenna. La mattinata è trascorsa felicemente fino al momento di prendere la Romea.

Ed eccoci tornati al punto 1.

Allora. Posto che Ravenna è una città adorabile, dobbiamo però specificare che si tratta di un paese per pedoni e cicloni, non per automobilisti. Le vie sembrano appoggiate l’una vicino all’altra come se l’addetto all’urbanistica si fosse ricordato all’ultimo secondo di aggiungerle, con mio conseguente panico («Oddio, ma sono entrata in una strada a senso unico nel senso opposto?!», «Oddio, ma qui la strada cambia senso di marcia?!», «Oddio, ma qui mi dicevano di andare diritto per la tangenziale, e subito dopo mi dicono di svoltare a destra, ma la strada svolta solo a sinistra!»). Ma le migliori sono le corsie di accelerazione e decelerazione della Romea. Che di fatto sono un’unica corsia di acdececelerazione, in cui tu entri mentre magari qualcuno esce. E infatti è quello che è successo. Solo che io che entravo avevo a destra il guard-rail e sotto il vuoto del cavalcavia, e quello che usciva proprio dove entravo io era un autotreno. Quindi in altre parole, ho pregato che Buondì trattenesse il fiato quel tanto che bastava da non farmi volare nè giù dal cavalcavia, nè sotto le ruote dell’autotreno che molto gentilmente mi stava schiacciando contro il guard-rail. Le mie preghiere sono state esaudite e al quel punto sono potuta scoppiare in una risata/pianto isterico.

Posso ora lasciarvi le foto – finalmente le mie ^^ – della minifuga da Alcatraz.

Alba a Marina Romea

Palafitta che ho deciso che devo comprare per fare le cene sul terrazzino in mezzo al mare

Un OP, una strada, il sole

Finestra con rose a Ravenna

Palazzo della Cassa di Risparmio di fianco alla tomba di Dante

Tomba di Dante (con la quale mi sono messa a conversare, facendogli notare che la maggior parte della Divina Commedia non sta in piedi)

Viuzza di Ravenna

Palazzo fighissimo a Ravenna

Portone adorabile

Negozio dell'antiquariato bellissimo del quale ci siamo perdutamente innamorati

Ehm.. strada con orologio di fianco a Bottega Verde a Ravenna?

Erica su un davanzale

Altro palazzo fighissimo a Ravenna

PS. Mi rendo conto del fatto che prima o poi dovremo parlare del fatto che faccio foto praticamente solo a cose che, in effetti, potrebbero trovarsi in qualunque posto; ne sono un perfetto esempio “Erica su un davanzale” o “Portone adorabile” o ancora “Finestra con rose”. Temo di avere una dipendenza dalle foto inutili, fatevene una ragione.

PPS. Per quelli di voi che sanno l’inglese e hanno Facebook, andate a dare un occhio qui! E’ un’amica che sta aprendo un nuovo blog e ha bisogno di fan! Per quelli che non avessero Facebook, ma che sono comunque interessati, il link al suo blog è lì nella sidebar, Cooking Pretty With Julija Art! E’ ancora un work in progress – sto curando io la realizzazione del blog e ovviamente sono lenta – ma ci sono i link alle ricette su Youtube!

Contrassegnato da tag , , , , , , , ,

13 thoughts on “Minirapimento Romantico

  1. O.P. scrive:

    In effetti saltare sulle reti elastiche al chiaro di luna senza guardiani o bambini stressanti che infastidiscano il momento ludico e mongoloide è eccezionale, specialmente se chi salta con te non è assolutamente in grado di coordinare il proprio corpo sulle reti elastiche, finendo col culo per terra ogni qualvolta il dispettoso compare (cioè IO) lo desideri, tranne quando lei stessa vorrebbe atterrare di glutei e di rimbalzo rimettersi in piedi, cosa a quanto pare a dir poco impossibile!!
    L’andare a giocare di notte sugli scivoli per bambini in spiaggia è una esperienza che consiglio a tutti, mentre dormire in auto presso un lido ventoso con solo una giacca illudendosi che fuori ci siano almeno 25 gradi è forse da sconsigliare, benché in fondo valga sempre la pena di vedere l’alba al mare, anche se ci si è dovuti congelare durante la romantica notte…

  2. basta prendermi in giro per la mia scoordinazione!!!!!!😦 eri tu che mi saltavi sugli alluci apposta per farmi cadere!!!!!! sono una povera vittima innocente.. e poi alla fine ci sono riuscita a rimbalzare sul sedere rimettendomi in piedi, ammetterai che ci ho provato con grande perseveranza.
    consigliamo però a tutti di munirsi di un caldo plaid nel caso volessero ripetere l’esperienza.. avrei dovuto scrivere “don’t try this at home”😄

  3. rasoiata scrive:

    Mi permetto di far notare come, dalle tre alle cinque, dentro a un’auto, non dovrebbero esserci problemi di riscaldamento reciproco.

    Ciao
    Zac

  4. LadyLindy scrive:

    allora. Invidio la fuga da Alcatraz. Passo per Ravenna praticamente ogni anno ma non ci sono mai stata sul serio… prova ne è che non ho mai preso un buon tè con Dante nella tranquillità del suo sepulcrum – la prossima volta dovremo organizzarci. Altra nota degna d’invidia, le bellissime foto *sguardo meravigliato*… che macchina usi? Sarà una canon di sicuro…

  5. @zac: ma, insomma, ti pare, questi sputtanamenti davanti a tutti? screanzato! hahahahahhaha

    @lady: vacci assolutamente, è adorabile!!! sono letteralmente caduta in amore!!! non prenderei mai un thè con dante nel suo sepulcrum, ora come ora sarei più tentata di sputarci dentro (ma ho rispetto per i morti quindi non lo farò).. diciamo che se vuoi prendere lì un thè e approfittarne per sentirmi fare un’invettiva (notare la citazione dalla divina commedia) contro di lui, allora è senz’altro possibile hahahah
    grazie per le foto (ho recentemente deciso di cambiare stile e ne sono molto orgogliosa).. e sì, la macchina è una Canon Eos RebelXS, che però ho fregato a mia mamma e ora ne ho il monopolio.. diciamo che ufficialmente mie ho una Pentax Optio, che è una compattina, e una Zeiss Ikon anni ’60 della quale prima o poi dovrò sviluppare il rullino e postare le foto😀

  6. myownpassion scrive:

    belle foto, simpatico il post eheh🙂

  7. frastellina scrive:

    che dolciiiiii! ♥ ma sulle foto che effetto hai usato per renderle così ROSATE?!

  8. cescocesto scrive:

    l’esperienza insegna che i programmi non vanno mai come uno avrebbe progettato (vedasi arrivare al tramonto/in piena notte o dormire nella casa di montagna/in due su un divano fuggiti da chissà quale pericolo immaginario), però direi che non ve la siete cavate male.
    approvo ovviamente i tappeti elastici!
    quando ero giovane e sportivo, il pomeriggio prima di una gara importante io e gli altri ragazzi della squadra ci abbiamo passato mezzo pomeriggio (scavalcando il cancello chiuso). quando l’allenatrice ci ha telefonato, scoprendo dove eravamo, è esplosa in una cosa tipo “irresponsabili, pazzi, cretini! vi distruggete le gambe così, non ci arrivate? non vi allenerò MAI PIU’!!”.

    ps. foto unsaccobbelle. mi unisco alla fra nel chiedere che effetto hai usato per renderle così.

  9. @myownpassion: grazie! e benvenuto!

    @fra: LOL da far venire le carie😄 a dire la verità quasi non ho fatto post-produzione su queste.. ho solo abbassato un po’ il contrasto, ma erano già quasi così solo con le impostazioni che ho dato alla macchina, che però riguardano solo luminosità/contrasto/grana😀 e a parte questo, credo che l’aria rosa venga dal fatto che ho fotografato cose “rosee”😄

    @cesco: dà una sensazione di grande potere entrare di nascosto e mettersi a fare cose per le quali obiettivamente non si può essere biasimati.. anche se non capisco come ci si possa distruggere le gambe saltando sui tappeti elastici😀
    ps. grazie ^^ per spiegazioni tecniche, mi unisco alla risposta che ho messo per la fra ^^

  10. Harold Macea scrive:

    stavo giusto cercando dove andare a vedere l’alba in quella zona,con la mia dolce metà visto che faremo un tuor Ravenna /valli di comacchio / cervia /san marino …

  11. Beh, allora sicuramente Marina Romea è consigliata! Scusa per l’orribile ritardo nella risposta, l’ho vista solo ora o.O

  12. […] il titolo che era utile. 5. Il post che secondo me non ha avuto l’attenzione che meritava: Minirapimento romantico. Lo so che non è niente di esageratamente divertente, però ero particolarmente soddisfatta delle […]

  13. Johna555 scrive:

    Thanks for sharing it eadcbbgcbcgc

Parlami! Parlami! Commentami! Commentami!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: